Archeologia: la cultura spalanca le porte del suo salone

Archeologia, arte, ambiente e turismo sostenibile si danno appuntamento al Palazzo dei Congressi di Firenze dal 19 al 21 febbraio 2016 per la seconda edizione di “tourismA – Salone internazionale dell’Archeologia”.


 

tourismA 2016Dopo il successo della precedente edizione torna, ancor più ricco di eventi, sempre negli spazi prestigiosi del Palacongressi di Firenze, il grande evento di tre giorni organizzato da Archeologia Viva (Giunti Editore) in collaborazione con FirenzeFiera nella capitale mondiale dell’arte, dedicato al mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze.

Alberto Angela, Luciano Canfora, Valerio Massimo Manfredi, Franco Cardini, Pupi Avati… sono solo alcuni dei personaggi eccellenti che interverranno a “tourismA 2016”, il Salone Internazionale dell’Archeologia rivolto alle realtà culturali ed economiche attive nel settore archeologico-artistico-monumentale. Punto di riferimento per le istituzioni di ricerca pubbliche e private, parchi e musei, enti di promozione, operatori turistici, associazionismo, “tourismA” ospita convegni, presentazioni e workshop (più di venti nei tre giorni del Salone con circa duecentocinquanta relatori). “tourismA” si caratterizza anche per il suo vivace settore espositivo con stand riservati alle realtà più dinamiche nell’ambito del turismo culturale e ambientale.

Una novità del prossimo “tourismA 2016” sono gli Archeolaboratori per grandi e piccoli, dove sarà possibile sperimentare la scheggiatura della pietra e l’accensione del fuoco come nella più lontana preistoria, prendere confidenza con l’antica arte della tessitura, imparare a scrivere in geroglifico, assistere alla realizzazione dei gioielli etruschi…
Ospite d’onore di “tourismA 2016”
è l’archeologo Andrea Carandini che aprirà il XII Incontro Nazionale di Archeologia Viva con una lectio magistralis sulle origini di Roma alla luce delle più recenti scoperte, mentre il regista Pupi Avati interverrà per ricevere il Premio “R. Francovich” dalle mani del ministro Dario Franceschini: l’ambito riconoscimento (intitolato al noto archeologo fiorentino scomparso nel 2007) è conferito dalla Società degli Archeologici Medievisti Italiani per i meriti nella comunicazione di contenuti storico-scientifici verso il pubblico dei non specialisti.

Sarà sempre “tourismA” l’occasione per presentare le più importati scoperte degli ultimi tempi, a partire da quella di Homo naledi, la nuova specie di ominide rinvenuta in Sudafrica di cui parlerà l’antropologo Damiano Marchi. E poi comunicazioni e convegni sull’attività delle Missioni archeologiche italiane all’estero (Albania, Egitto, Kurdistan iracheno, Afghanistan, Georgia, Tunisia, Palestina, Creta); la sensazionale scoperta dell’Anfiteatro romano di Volterra; le ricerche nelle alte profondità del Mediterraneo; gli scavi a Cartagine… Un momento particolare sarà riservato a Khaled al-Asaad, l’archeologo di Palmira ucciso dall’Isis, la cui figura verrà ricordata da Paolo Matthiae, lo scopritore di Ebla, e da un documentario del regista Alberto Castellani con l’ultima intervista a questo vero eroe del nostro tempo.

2tourisma
L’inaugurazione ufficiale di “tourismA 2016” è in programma giovedì 18 febbraio nel Salone de’ Cinquecento di Palazzo Vecchio alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella e con una conferenza di Louis Godart, consigliere culturale del Presidente della Repubblica, dedicata alla Grecia antica (occorre prenotazione).

Il programma generale di “tourismA 2016” (sempre a ingresso gratuito) è consultabile su www.tourisma.it/programmazione.

tourisma 2016-2

tourisma 2016-1

Info: 055.5062302 – info@tourisma.it – www.tourisma.it


Fonte: Comunicato Stampa Ufficiale TourismA 2016

L’IBAM CNR parteciperà all’evento presentando, il 20 febbraio dalle 14:30 alle 18:00, l’intervento dal titolo “SAVE THE CITY. Comunicare l’archeologia urbana. Le attività dell’IBAM CNR nei casi di studio di Catania e Lecce“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *