Workshop ARIADNE: i dati archeologici digitali

L’integrazione dei dati archeologici digitali. Esperienze e prospettive in Italia.

Workshop, Lecce 1-2 Ottobre 2015 Palazzo Turrisi, Via Marco Basseo 1


L’obiettivo del workshop, a cura del progetto Europeo ARIADNE e dei suoi partner italiani (PIN – MIBACT – CNR – AIAC) è di confrontare le esperienze italiane di condivisione di dati archeologici online, in vista di un’iniziativa a carattere nazionale che proponga la creazione di un sistema integrato basato sull’approccio di ARIADNE e ispirato alla filosofia Open Access.

Nel corso del workshop si confronteranno esigenze e disponibilità per impostare una piattaforma comune d’integrazione. Verranno anche analizzate le prospettive che la creazione di tale piattaforma aprirà per la condivisione di archivi digitali esistenti ma ancora non accessibili on-line.

Il workshop si propone è definire i requisiti di un tale sistema di condivisione, confrontare le risorse necessarie con quelle disponibili, e pianificarne la realizzazione. Si discuteranno inoltre le problematiche relative alla proprietà intellettuale e relative licenze, e le caratteristiche di un sistema di pubblicazione che valorizzi il lavoro di base svolto dai ricercatori per la creazione di archivi.

Programma

ARIADNE_LECCE

1 Ottobre 2015
Indirizzi di Saluto 9.30-10.00

Riccardo Pozzo – Direttore DSU CNR
Daniele Malfitana – Direttore IBAM CNR

Introduzione 10.00-11.00
Franco Niccolucci (PIN) Progetto ARIADNE e la sua applicazione alla realtà italiana
Andrea D’Andrea (UNIOR) Dati digitali e metodologia della ricerca archeologica
Luca Pezzati (CNR-INO) Dariah.it e E-RIHS.it

Coffee Break 11.00-11.20

Integrazione di dataset archeologici: lo stato dell’arte 11.20-13.00
Achille Felicetti (PIN) L’infrastruttura d’integrazione in ARIADNE
Carlo Meghini (CNR-ISTI) Il registry di ARIADNE e il modello di metadati
Paola Ronzino (PIN) Standard e interoperabilità
Francesco Gabellone (CNR-IBAM) La diffusione e condivisione di dataset 2D e 3D nei processi dicomunicazione dei BBCC

Pranzo 13.00-15.00

Contributi italiani in ARIADNE 15.00-16.00
Sara Di Giorgio (MIBACT) Gli archivi del MIBACT
Mirella Serlorenzi (Soprintendenza di Roma) SITAR
Elisabeth Fentress (AIAC) Fasti Online

Coffee Break 16.00-16.20

Esperienze italiane di dataset archeologici accessibili on-line 16.20-18.30
Andrea D’Andrea (UNIOR), 3D ICONS, oggetti digitali archeologici 3D
Gabriele Gattiglia, (UNIPI), Il progetto MAPPA
Giuseppe Scardozzi (CNR IBAM) Gli archivi digitali di fotografie aeree e immagini satellitari per l’osservazione della Terra. Stato dell’arte e prospettive per l’uso dei dataset finalizzato alla ricerca archeologica
Giacomo Di Giacomo (CNR IBAM) Il GisCloud della carta archeologica di Lecce: uno strumento per la conoscenza e la condivisione dei dati archeologici attraverso il web
D. Malfitana, G. Cacciaguerra, A. Mazzaglia, V. Noti (CNR IBAM), “OPENCiTy Project” per Catania: GIS e WebGis per la libera condivisione del dato archeologico in ambito urbano.
Stefania Pafumi, Samuele Barone, Annarita Di Mauro, Graziana Oliveri (CNR IBAM – Università di Catania), Il progetto “Science & Technology Digital Library”. La digitalizzazione del patrimonio librario storico-antiquario e archeologico del fondo Benedettino dell’ex Monastero di San Nicolò l’Arena di Catania.

 

2 Ottobre
I dataset delle scienze dell’archeologia e dei beni culturali 10.00-11.00
Franco Niccolucci (PIN) SANDRA: interoperabilità e conservazione dei dati delle scienze dell’archeologia
Rachele Manganelli Del Fà, Stefano Cerreti, Irene Malesci, Maria Perla Colombini (CNR-ICVBC)
DiNaMics (DIagNostics And MonItoring for ConServation), un dataset per la valutazione dei trattamenti conservativi
Alessandro Guidi, Federico Nomi, Alberto Benito Ricciardi (UNIROMA3), Mariele Proietti (UNIROMA1) La ceramica decorata appenninica: un network peninsulare della media Età del Bronzo

Coffee Break 11.00-11.20

I dataset delle scienze dell’archeologia e dei beni culturali 11.20-12.20
Alfredo Coppa (UNIROMA1), Luca Bondioli (Museo L. Pigorini) Archivi digitali open access in paleoantropologia: stato della questione e prospettive
Lucio Colizzi (CETMA) PON ITACHA L’interoperabilità tra applicazioni nell’ambito dei Beni Culturali
Manuela De Giorgi (UNISALENTO) Diagnostica di Ipogei: il caso di studio di Mottola (TA)

Discussione Finale 12.30 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *