Arsenale di Taranto: Valorizzazione Culturale

Il Convegno “La Valorizzazione Culturale e Turistica dell’Arsenale di Taranto” avrà luogo nella Sala a Tracciare dell’Arsenale il 28 Marzo con esperti relatori che, coordinati da Salvatore Mellea, direttore generale della Fondazione Marittima Ammiraglio Michelagnoli Onlus, si alterneranno a partire da Stelio Blasi di Statte, professore emerito del Politecnico di Bari e a seguire con Antonio Monte dell’IBAM CNR, Alfredo Cervellera, consigliere regionale, Fabio Caffio, presidente della Fondazione, Claudio Menichelli della soprintendenza di Venezia e Angela Barbanente, assessore regionale alla qualità del territorio. Chiuderà il Convegno Fabio Ricciardelli, presidente del Comitato Scientifico della Fondazione.

arsenale di taranto

Il decreto “Sviluppo Taranto”, emanato il 5 gennaio 2015, stabilisce all’art.8 gli interventi per il rilancio della città e in particolare per la valorizzazione turistico culturale dell’Arsenale. Viene così definito l’Arsenale di Taranto non solo una realtà produttiva, “ma un importantissimo patrimonio storico e di archeologia industriale per l’intero Paese, da tutelare e valorizzare, rendendolo fruibile ai cittadini”.

La realizzazione di un piano di valorizzazione dell’Arsenale è pertanto di significativa importanza per il Paese e di notevole interesse turistico.

L’iniziativa lanciata dalla fondazione vuole rappresentare e far conoscere le potenzialità museali dell’Arsenale e il suo patrimonio di architettura industriale e di officine e macchinari di rilevante interesse storico.

La Fondazione Michelagnoli coglie l’opportunità offerta dal decreto per promuovere una profonda riflessione sul tema offrendo un primo ed immediato contributo alla pianificazione di una solida azione di valorizzazione e salvaguardia della memoria storica e culturale dell’Arsenale.

Per il Convegno è stato richiesto e ottenuto il patrocinio del MIBACT, del Ministero della Difesa – Marina Militare, della Regione Puglia e del Comune di Taranto.

arsenale di taranto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *