Il progetto AgriCultura dell’Ibam Cnr caso concreto per una Rete della biodiversità antica

Il progetto di alta formazione “AgriCultura”, secondo la Rete Rurale Nazionale, rappresenta un’esperienza particolarmente rilevante per il recupero, la conservazione e la valorizzazione della biodiversità antica nelle aree archeologiche dei territori rurali.


Il prossimo 3 dicembre, presso la sede del Centro politiche e bio-economia del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea Pb), a Roma, si terrà il secondo incontro per la creazione di una “Rete della biodiversità antica”.

L’iniziativa è promossa dalla Rete rurale nazionale (Rrn) ed è finalizzata alla costituzione di una rete tra Gruppi di azione locale (Gal) italiani impegnati in attività di ricerca e valorizzazione delletestimonianze botaniche antiche (3.500 a.C.-476 d.C.) e medievali (476 d.C.-1492) all’interno o nei pressi delle aree archeologiche dei territori rurali di riferimento.

Il progetto della Rrn si propone di sperimentare e mettere a sistema un approccio interdisciplinare in cui confluiscono archeologia, storia, botanica, genetica, agricoltura, economia, allo scopo di contribuire alla conservazione e all’uso sostenibile della biodiversità attraverso la scoperta e/o la valorizzazione delle testimonianze storico-botaniche dei territori rurali.

La Rrn ha individuato il progetto AgriCultura come un modello da cui partire per la realizzazione di progetti mirati al recupero e alla valorizzazione della biodiversità antica connessa con il patrimonio archeologico.

Il progetto di alta formazione “AgriCultura”, finanziato dalla Regione Sicilia (Fse 2020) e coordinato dal Crea Dc con il supporto scientifico dell’Unità di Ricerca dell’Istituto per i beni archeologici e monumentali del Consiglio nazionale delle ricerche (Urt Ibam Cnr) di Palermo, attraverso il finanziamento di nove borse di formazione, nasce, infatti, con l’intento di promuovere la valorizzazione integrata del patrimonio culturale e ambientale. Due borsiste, l’archeologa Giusj Galioto (Urt Ibam Cnr) e l’agronoma Alessandra Sgueglia (Crea Dc), sono impegnate, in particolare, nello sviluppo di un percorso in grado di mettere in risalto e valorizzare il profondo legame tra natura e cultura all’interno del sito archeologico di Solunto, nel territorio del comune di Santa Flavia (Pa). Adagiato sul fianco di Monte Catalfano, l’abitato sorge nel corso del IV sec. a. C. in seguito alla distruzione, ad opera del tiranno siracusano Dionisio I, del più antico centro fenicio posto sulla costa. L’area archeologica è integrata in un contesto di elevato pregio paesaggistico e ambientale ed è caratterizzata dalla presenza di specie vegetali autoctone mediterranee.

Durante l’incontro, mostreranno il lavoro in itinere svolto nell’ambito del progetto “AgriCultura”, il direttore del Crea Dc e coordinatore del progetto, Massimo Mammano e Salvatore Tosi, ricercatore dell’Urt Ibam Cnr di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *