Primi risultati del Progetto In-CulTuRe

Attività del Laboratorio di Geofisica per l’Archeologia ed i Beni Monumentali (IBAM-CNR) all’interno del progetto In-CulTuRe.


In-CulTuRe si avvale di risorse del Programma Operativo Nazionale “Ricerca e Competitività” 2007-2013.

Il progetto prevede lo svolgimento di attività di ricerca applicata al patrimonio culturale, con particolare attenzione a quello considerato “minore”, prendendo in considerazione tre punti chiave: Restauro/Conservazione; Efficienza energetica; Sviluppo di strumenti Ict per la promozione e la valorizzazione.

L’IBAM CNR è coinvolto con i propri laboratori in tutte e tre le tematiche.

progetto in-culture

In particolare il Laboratorio di Geofisica per l’Archeologia ed i Beni Monumentali è impegnato nella tematica Restauro/Conservazione attraverso l’applicazione di metodi innovativi di diagnostica non distruttiva (indagini geoelettriche, georadar, ultrasoniche).

Il territorio di indagine è quello dell’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina (assetto amministrativo 2012), partner di progetto.

Per ognuno dei Comuni interessati è stato individuato un bene come “caso studio”.

Lo scorso 3 febbraio si è celebrata la festa di San Biagio (Calimera – Lecce). Come da tradizione la Chiesa semi ipogea, presente all’interno dell’omonima Masseria, diventa luogo di pellegrinaggio per le comunità dei paesi limitrofi.

progetto in-culture

La chiesa semi ipogea di San Biagio (Calimera – Lecce)

 

 

 

 

 

 

 

 

In tale occasione sono stati presentati i risultati delle indagini geofisiche svolte dai ricercatori dell’IBAM-CNR, Giovanni Leucci e Lara De Giorgi, nell’ambito del progetto In-Culture.

progetto inculture

Fasi delle acquisizioni magnetometriche, georadar ed ultrasoniche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I risultati, che qui di seguito vengono mostrati in sintesi, evidenziano la presenza di strutture di probabile interesse archeologico.

progetto in-culture

Modello di distribuzione del gradiente magnetico

 

 

progetto in-culture

Georadar: depth slice con profondità comprese tra 1.3 e 1.6m

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ stato realizzato anche uno studio sullo stato di conservazione della Chiesa i cui risultati sono in fase di elaborazione.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito ufficiale del progetto.

 

Report a cura di Giovanni Leucci (Geofisico – Ricercatore presso la sede IBAM CNR di Lecce)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *