LuBeC 2016: tecnologie, strumenti e strategie per i beni culturali

banner_espositore lubec 2016Si terrà nelle date del 13 e 14 ottobre 2016, nella splendida location del Real Collegio di Lucca, la XII edizione del meeting internazionale LuBeC Lucca Beni Culturali, un’importante occasione di dialogo e confronto fra i principali enti impegnati nel settore della valorizzazione del patrimonio culturale.

Fra gli obiettivi principali di tale manifestazione, che ogni anno accoglie un gran numero di partecipanti, vi sono la presentazione di casi studio di rilievo e l’analisi attenta degli effetti generati sul grande pubblico dal crescente investimento nazionale, in termini di risorse e progettualità.

Slogan del meeting è “La Cultura è benessere e crescita”.

I nuovi strumenti normativi, le competenze, le energie, le tecnologie e le modalità di comunicazione, in simbiosi con i nuovi finanziamenti per il pubblico ed il privato, stanno favorendo la riconsiderazione degli effetti della cultura, quadro sottolineato recentemente anche dal Presidente Mattarella, con particolare riferimento all’attuale stato dell’arte sul tema dell’innovazione socio-culturale alla luce dello sviluppo delle nuove politiche territoriali, del welfare culturale, del settore non profit e della forte crescita delle imprese creative quanto della rigenerazione urbana.

Sono proprio questi i temi di cui si occuperà LuBeC 2016, attraverso convegni, workshop e laboratori dedicati.

lubec-2016_testata

Nella sessione plenaria di apertura del 13 ottobre, dal titolo “IL RINNOVAMENTO DEL WELFARE CULTURALE TRA PUBBLICO E PRIVATO”, a seguito dei saluti iniziali di Gaetano Scognamiglio, Presidente Promo PA Fondazione, saranno affrontati un ampio ventaglio di tematiche, spaziando dall’eredità del futuro, all’industria culturale (tra rigenerazione urbana e innovazione) fino a specifici focus in merito alla valorizzazione dei territori tramite il teatro, il cinema e le arti visive.

xlubec_2016_banner_008-jpg-pagespeed-ic-odyeo2ru6a

All’interno del fitto programma di attività del LuBeC 2016, si terrà, nella mattina del 14 ottobre, un workshop dal titolo “LE NUOVE FRONTIERE DELLA VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI TRA INTERPRETAZIONE, COMPRENSIONE E COMUNICAZIONE“.

Ad introdurre i lavori Daniele Malfitana, Direttore dell’IBAM CNR, in collaborazione con il quale il workshop è organizzato.
Scopo dell’incontro è l’individuazione di nuovi percorsi per la valorizzazione e l’accessibilità per i beni culturali fra didattica, ricerca e cultura d’impresa. Tra gli argomenti trattati, un importante focus sarà rivolto alla “scoperta di un nuovo modello di fruizione” per i beni culturali che basandosi su applicazioni, tecnologie e robotica, mira ad un più coinvolgente rapporto fra reale e virtuale.

Il “cambiamento” tra pubblico e privato sarà ben testimoniato anche dalla presenza e dalla collaborazione di due partner d’eccezione, quali il MiBACT e la nota multinazionale Samsung Italia.

b072f7c48a3243399147e972782616d8LuBeC si conferma, altresì, come luogo di internazionalizzazione con:

– – la consueta presenza di un “Paese Ospite“, che quest’anno, a celebrazione dei 150 anni intercorsi dall’inizio delle relazioni ufficiali con l’Italia, sarà il Giappone. Per l’occasione è previsto l’intervento del Direttore dell’Istituto Giapponese di Cultura in Roma, Naomi Taksu Masui.

– il servizio Europe Corner, che supporta imprese non profit e PA nello sviluppo di progetti, network e competenze nel quadro della programmazione europea tout court;

– gli  speciali Infodays dedicati alle novità dei programmi gestiti dal Contact Point del MiBACT.


Per ulteriori informazioni in merito al convegno è possibile consultare il sito dedicato a LuBeC 2016 oppure contattare lo staff organizzativo all’indirizzo e-mail info@lubec.it.


Fonte della notizia: LuBeC 2016


Articolo a cura di Roberta Betta, studentessa di Archeologia presso l’Università degli Studi di Catania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *