Nuovi approcci per lo studio integrato di architettura e paesaggio urbano

Presentazione dei risultati del progetto ‘Firb Marmora Phrygiae’


Il prossimo 7 maggio 2018, a partire dalle ore 15.00, a Roma presso la Biblioteca centrale del Consiglio nazionale delle ricerche (piazzale Aldo Moro 7), avrà luogo la presentazione dei risultati delle attività di ricerca condotte nell’ambito del progetto Firb (programma ‘Futuro in Ricerca’ promosso dal Miur) “Marmora Phrygiae. Metodologie interdisciplinari per la conoscenza e la conservazione. Archeologia del costruito, informatica e scienze chimico-fisiche per la ricostruzione storica dei cantieri e dell’approvvigionamento dei materiali lapidei di una città romana e bizantina dell’Asia Minore, Hierapolis di Frigia”, coordinato da Giuseppe Scardozzi, responsabile della sede secondaria di Lecce dell’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam Cnr).

Le ricerche multidisciplinari condotte dai ricercatori del Cnr degli istituti Ibam (Istituto per i beni archeologici e monumentali), Icvbc (Istituto per la conservazione e valorizzazione dei beni culturali) e Igag (Istituto di geologia ambientale e geoingegneria) in collaborazione con il Dipartimento di beni culturali dell’Università del Salento sono confluite nella recente pubblicazione dei volumi Ancient quarries and building sites in Asia Minor. Research on Hierapolis in Phrygia and other cities in south-western Anatolia: archaeology, archaeometry, conservation, a cura di Tommaso Ismaelli e Giuseppe Scardozzi, ricercatori dell’Ibam della sede di Lecce, edito da Edipuglia nel 2016 e Il Tempio A nel Santuario di Apollo. Architettura, decorazione e contesto, Hierapolis di Frigia X, di Tommaso Ismaelli, edito da Yayınlar nel 2017.

I due volumi offrono importanti contributi sui temi dell’architettura pubblica nelle città dell’Asia Minore in età imperiale e bizantina e sull’economia del marmo nel mondo romano, grazie a nuovi approcci per lo studio integrato delle architetture e dei paesaggi urbani.

Alla presentazione interverranno Massimo Inguscio, presidente del Cnr, Gilberto Corbellini, direttore del Dipartimento di sciente umane e sociali, patrimonio colturale del Cnr, Daniele Malfitana, direttore dell’Ibam Cnr, Paolo Messina, direttore dell’Igag Cnr, Maria Perla Colombini, ex direttore dell’Icvbc Cnr e Gianluca Tagliamonte, direttore del Dipartimento di beni culturali dell’Università del Salento.

L’introduzione è stata affidata a Francesco D’Andria (Università del Salento). A presentare i volumi saranno specialisti di architettura antica, archeologia delle province romane ed archeometria: Roberto Bugini (Icvbc), Nathalie de Chaisemartin (Université Paris-Sorbonne), Monica Livadiotti (Politecnico di Bari), Marcello Spanu (Università degli studi Roma Tre).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *