URT IBAM di Bagheria: percorsi multidisciplinari di alta formazione per giovani ricercatori

Con l’obiettivo generale di favorire l’orientamento lavorativo dei giovani verso il sistema della ricerca e dell’innovazione e verso la creazione di imprese, in Sicilia sono stati finanziati, grazie all’avviso “Rafforzare l’occupabilità nel sistema della R&S e la nascita di Spin off di ricerca in Sicilia”, nell’ambito del programma operativo Fondo Sociale Europeo Sicilia 2020, due progetti di alta formazione e ricerca applicati al patrimonio culturale: a Catania il progetto coordinato scientificamente dall’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ibam Cnr) dal titolo “SPIDEr – Strategies for Planning and Integrated DEvelopment of Urban Cultural Contexts”; in provincia di Palermo, a Bagheria il progetto “AgriCultura – distretto Agri-Culturale”, coordinato dal Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria – Centro di ricerca difesa e certificazione (Crea – Dc) con il supporto scientifico e tecnologico dell’Unità di Ricerca dell’Ibam di Bagheria.

Grazie al partenariato tra Ibam e Crea, il progetto “AgriCultura” ha lo scopo di migliorate la qualità dell’offerta territoriale integrata tra valorizzazione dei beni culturali, dinamiche del turismo e promozione di processi di gestione innovativi delle risorse naturali attraverso anche la costituzione di nuove filiere produttive di interesse nutraceutico e salutistico. Sono nove in tutto i borsisti coinvolti all’interno del progetto “AgriCultura”. Quattro di loro seguono il percorso di alta formazione orientato alla valorizzazione dei beni culturali presso l’Unità di ricerca dell’Ibam Cnr di Bagheria.


 

Tra le attività pensate ad hoc per i giovani borsisti, l’Unità di ricerca di Bagheria, in collaborazione con la struttura del Crea di Bagheria, promuove un ciclo di ‘Seminari di condivisione’, incontri con personalità di spicco del mondo accademico e imprenditoriale.

 

Lo scorso 22 giugno, presso l’Unità di ricerca Ibam di Bagheria, si è svolto l’incontro con Maria Varsellona (President of Nokia Technologies and Chief Legal Officer) dal titolo “L’impatto delle imprese multinazionali nello sviluppo economico locale”. Durante l’incontro sono stati trattati diversi aspetti del come ‘fare impresa’, in particolare, si è posto l’accento sul tema legato alla governance in una grande azienda: come si prendono le decisioni; chi sono gli attori; che rapporti ci sono tra board e top management. Inoltre, spazio è stato dato agli elementi costitutivi della relazione negoziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *